SON LUX

(USA) Prezzo del biglietto: 20 Euro + diritti di prevendita
SON LUX
15 luglio 2018
Ore 21.15

Ticketing
Ticketone e Vivaticket: € 20 (+ d.p.)
Presale: da Giovedì 26 Aprile alle ore 10.00 su www.ticketone.it e www.vivaticket.it
Early Bird: dal 26 al 28 aprile biglietto ad euro 15 (+d.p.) solo su circuito Ticketone.

Il progetto Son Lux nasce nel 2008 da Ryan Lott – artista, songwriter e arrangiatore tra le voci autoriali più interessanti degli ultimi anni - a cui si sono uniti nel 2015 il chitarrista Rafiq Bathia e il batterista Ian Chang. Capaci di un sound al di là di ogni genere e classificazione, tra alt-pop e pop barocco, sperimentazione e suoni cinematografici, Son Lux sono, ad oggi, tra le realtà più interessanti ed alternative in circolazione. Un post-pop di alto livello che, con sei album alle spalle, non smette di stupire.
L’ultimo disco di studio, “Brighter Wounds” pubblicato a febbraio da City Slang, mostra la piena maturità di Ryan Lott, sia come songrwriter che come arrangiatore. Scritto da Lott sul finire del 2016, l’album è il frutto di alcuni eventi che hanno segnato la vita di Lott: la nascita di un figlio, la scomparsa di un caro amico e la campagna elettorale di Trump contro Clinton. Il disco di debutto, “At War with Walls & Mazes”, risale al 2008, seguito da “We Are Rising” nel 2011 e, due anni dopo, da “Lanterns”, album che ha permesso a Son Lux, allora progetto solista nelle sole mani di Ryan Lott, di ricevere l’attenzione di critica e pubblico. Nel 2014 Son Lux ha rilasciato un EP di brani rielaborati da “Lanterns”, tra cui una versione di “Easy” con la voce di Lorde. Nel frattempo Ryan Lott intraprende un progetto parallelo con Sufjan Stevens e Serengeti, “Sisyphus”. L’anno successivo Rafid Bathia alla chitarra elettrica e Ian Chang alla batteria si uniscono a Son Lux, che diventa una band a tutti gli effetti.
La pubblicazione di “Bones” è il primo album del trio newyorkese, a cui ha fatto poi seguito l’ultimo “Brighter Wounds”. Nel corso degli anni Son Lux ha collaborato con grandi nomi della scena musicale tra cui Lorde, Sufjan Stevens, Woodkid fino a Beyoncè.